Istituto Comprensivo di Trescore Cremasco

Via Marconi, 5 - 26017 Trescore Cremasco (CR)
Telefono 0373 273120 - Fax 0373 291217
Pec: CRIC812001@pec.istruzione.it
Mail: CRIC812001@istruzione.it

EDUCAZIONE AFFETTIVA NELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

L'educazione affettiva per i bambini dai 3 ai 6 anni riguarda molteplici aspetti della vita quotidiana e coinvolge sia l'ambito relazionale e emotivo che quello cognitivo. Proprio per questo gli obiettivi specifici di questo percorso sono stati declinati in modo trasversale in tutti i progetti educativi e nelle varie attività didattiche. Le finalità che fanno da sfondo a tutti gli interventi sono:
-
promuovere il benessere affettivo-relazionale del bambino sia nel rapporto con gli adulti che nei confronti dei compagni;
-
favorire la fiducia in sè accrescendo l'autostima e l'aiuto reciproco.
Tali finalità si articolano in alcuni obiettivi specifici:affetività

  • stabilire relazioni significative con l'adulto e con i compagni.
  • acquisire fiducia nell'ambiente.
  • accrescere l'autonomia.
  • promuovere il rispetto di sè, degli altri e degli spazi condivisi.
  • ricercare soluzioni alle problematiche.
  • condividere nella dimensione del gruppo alcuni valori (rispetto della diversità, aiuto solidale)  

Ritenendo la sfera emotivo - affettiva come base importante per una crescita equilibrata e armonica di ogni individuo, come Istituto Comprensivo è stato elaborato un progetto specifico che mette al centro il lavoro sulle dinamiche emotive e relazionali dei bambini.

UN PROGETTO SPECIFICO: LA PSICOMOTRICITA' RELAZIONALE

Il progetto è stato laboratorioelaborato con la collaborazione di una specialista, la psicomotricista Mariangela Vailati, che da anni propone corsi d'aggiornamento ai docenti e contemporaneamente laboratori agli alunni oltre che incontri formativi per i genitori. La psicomotricità relazionale, attraverso il movimento, giochi spontanei e organizzati, pone l'attenzione al vissuto di ciascuno, al proprio modo di relazionare con i pari, con gli oggetti e con gli adulti.






teli

 Obiettivo della psicomotricità relazionale è la valorizzazione del linguaggio corporeo che promuove lo star bene del sè in relazione agli altri e alla realtà circostante, tramite un percorso di riconoscimento e accettazione dei propri vissuti emozionali (gioia, entusiasmo, tristezza, paura, conflitto...). Attraverso un percorso graduale si mira a consolidare la crescita della personalità di ciascun bambino favorendo vari obiettivi della sfera emotivo-affettiva.In particolare questo progetto mira a restituire al bambino, al suo movimento e all'uso del suo corpo, la naturale e determinante valenza emozionale e relazionale al fine di rafforzarne l'identità.
Il gioco diventa "contenitore" dei "vissuti corporei simbolici" con cui ciascuno può esprimere la propria carica emotivo-affettiva. Nel gioco si esprime la relazione, che è la base della realtà. Durante il gioco la struttura della seduta si differenzia in base a chi è rivolta.